I 30 principi di base di allevamento cani di razza

Questo articolo si riferisce a ciò che potrebbe essere considerato come i “30 comandamenti" dell’allevamento selettivo dei cani di razza.

Il suo autore R.Oppenheimer allevatore Bullterrier con l’affisso di "Ormandi" è considerato uno dei più abili nell’utilizzo del materiale genetico all'interno del campo di allevamento del cane di razza pura.

  1. Non fare uso indiscriminato di "cross-breeding".  Un cross-breeding saggio potrebbe essere di grande valore, ma l’abuso può portare ad un elenco inimmaginabile di problemi selettivi.
  2. Non allevare in line-breeding solo perché si fa così. La selezione in line breeding con soggetti complementari può portare a grandi successi, con un tipo inadeguati porterà al disastro
  3. Non ascoltare mai i consigli di allevatori che non abbiano avuto successo. Se le loro idee fossero state buone avrebbero già avuto loro i successi promessi.
  4. Non credere alla leggenda popolare che sostiene che il fratello o la sorella del tale campione abbiano lo stesso peso e capacità riproduttiva del campione stesso. In alcuni casi è vero, in altri no, dipende dall’animale in questione
  5. Non vantare i propri soggetti per doti che non hanno. Ingannare se stessi è il primo passo per il fallimento
  6. Non allevare in mediocrità, la mancanza di un difetto non significa in alcun caso la presenza del pregio corrispondente.
  7. Non iniziare un line-breeding su due soggetti allo stesso tempo, non ne caverai nulla da nessuno dei due
  8. Non giudicare un riproduttore per i soggetti di minore qualità da lui prodotti, anche i migliori producono brutti soggetti, ciò che conta è quanto siano buoni i migliori soggetti da lui prodotti
  9. Non permettere ai sentimenti personali di influenzare la scelta di un riproduttore, il cane giusto per la propria femmina è quello giusto, senza considerare chi sia il proprietario dello stesso.
  10. Non permettere all’ammirazione per un riproduttore di non mostrarvi i sui difetti.
  11. Non accoppiare cani che abbiano gli stessi difetti, facendolo si avranno enormi problemi.
  12. Non dimenticare che ciò che conta è il cane in generale, se si tralascia un pregio seguendone un altro lo si pagherà caro. 
  13. Non cercare il cane perfetto per accoppiare la propria femmina. Il cane perfetto non esiste, non è mai esistito e mai esisterà
  14. Non abbiate paura di accoppiare soggetti che abbiano difetti, purchè abbiano virtù compensatorie. La mancanza di pregi è il più grande dei difetti. 
  15. Non accoppiare soggetti che abbiano un tipo diverso tra di loro. La capacità di riconoscere un TIPO al primo sguardo è la dote più importante di un allevatore.
  16. Ricordate che il soggetto che allevate ora avrà un impatto sulla selezione della razza per anni, Tenetelo bene a mente quando decidete  un accoppiamento.
  17. Il pedigree serve solo ad indirizzarvi a quali siano le caratteristiche buone o cattive che un soggetto dovrebbe avere e trasmettere, il pedigree serve solo se il soggetto rappresenta ciò che ci si attende da lui.
  18. Se il cucciolo peggiore dell’ultima cucciolata non è migliore del cucciolo peggiore della tua prima cucciolata non stai facendo progressi e questa dovrebbe essere la tua ultima cucciolata.
  19. Quantità non significa qualità. La qualità si fonda su di uno studio attento, avendo chiaro in mente un’immagine di ciò che si vuole produrre, avendo la pazienza di attendere fino ad avere i soggetti giusti, sapendo giudicare ciò che si è prodotto e avendo un progetto selettivo di almeno tre generazioni avanti a se. 
  20. Chiedetevi sempre: sono un selezionatore o un venditore di cuccioli? La cattiva reputazione di un allevatore che lo faccia per soldi dilagherà come un incendio in un bosco e perdurerà per lungo tempo.
  21. Tenete sempre la salute della razza in mente come prima cosa, se si sa che un proprio soggetto ha problemi fisici congeniti non va usato in allevamento.
  22. La forza di una linea di sangue può essere notevolmente indebolita da un accoppiamento fatto con un cane di una linea di sangue diversa, mentre l’aspetto fisico del soggetto stesso potrebbe essere comunque ottimo se si è molto fortunati. In tale caso l’allevatore dovrà tornare sulla linea paterna o materna velocemente ed in breve tempo per evitare il rischio di una deriva genetica.
  23. L’in-breeding intensifica tutte le caratteristiche, le buone  e le cattive. Ricordatelo.
  24. Lo stallone dovrebbe essere sempre dominante nelle stesse caratteristiche della femmina ed esserlo anche in quelle che nella fattrice risultino come difetti.
  25. Allevando per il miglioramento della razza occorre  essere capaci di riconoscere un buon soggetto quando lo si vede, focalizzare il tipo verso il quale indirizzarsi e non mollare mai questa strada.
  26. Non è il grande numero di soggetti a rendere alta la qualità di un allevamento ma l’eccellenza di pochi. Anche se si allevano pochi soggetti non bisogna accontentarsi mai del secondo posto.
  27. Non perdere mai il tipo della testa, svanisce  come un sogno al mattino.
  28. Non bisogna mai denigrare un grande cane. Un cosa bella non dura in eterno, ma un bel soggetto dovrebbe essere un piacere da ammirare per gli amanti della razza e un’eterna fonte di orgoglio.
  29. Non dimenticare che una grande testa ed un’eccellente sostanza dovrebbero essere sempre al centro delle vostre ricerche selettive. Molta gente non saprà selezionare né l’una né l’altra cosa!
  30. Non essere mai soddisfatti di nulla se non del meglio, la seconda scelta non sarà mai sufficientemente soddisfacente!

 E’ incredibile come questi principi risalenti agli anni ’60 siano tutt’oggi strettamente forti e attuali

 - D.V.M. Dott.Francesco Ciribè -

Acquistare un Dogue de Bordeaux

Acquistare un dogue de bordeaux è una scelta che comporta ricerca, impegno e consapevolezza

Leggi tutto...

Questo sito utilizza dei cookie per fornire i propri servizi, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.